Il nostro PIANO TRIENNALE INCLUSIONE,  intende agire nell’ottica del passaggio da una logica dell’integrazione delle diversità, statica e assimilazionista, ad una logica dell’inclusione, dinamica, intesa quindi come un processo che riconosca la rilevanza della piena partecipazione alla vita scolastica da parte di tutti isoggetti. Accogliendo i suggerimenti dell’Index per l’inclusione, ci prefiggiamo l’obiettivo generale di trasformare il tessuto educativo del nostro istituto creando:

  1. culture inclusive (costruendo una comunità sicura e accogliente, cooperativa e stimolante, valorizzando ciascun individuo e affermando valori inclusivi condivisi e trasmessi a tutti: personale della scuola, famiglie, studenti);
  2. politiche inclusive (sviluppando la scuola per tutti: una scuola in cui la selezione del personale e le carriere sono trasparenti, tutti i nuovi insegnanti e alunni sono accolti, vengo aiutati ad ambientarsi e vengono valorizzati; organizzando il sostegno alla diversità, attraverso azioni coordinate e attraverso attività di formazione che sostengano gli insegnanti di fronte alle diversità);
  3. pratiche inclusive (coordinando l’apprendimento e progettando le attività formative in modo da rispondere alle diversità degli alunni; mobilitando risorse: incoraggiando gli alunni ad essere attivamente coinvolti in ogni aspetto della loro educazione, valorizzando anche le conoscenze e le

esperienze fuori della scuola, mettendo in rete le risorse della scuola, della famiglia, della comunità).

L’intento generale è dunque quello di allineare la “cultura” del nostro istituto alle continue sollecitazioni di un’utenza appartenente ad un tessuto sociale sempre più complesso e variegato, e

contemporaneamente di attivare concrete pratiche educative, che tengano conto delle più aggiornate teorie psico-pedagogiche e delle recenti indicazioni legislative regionali, nazionali e comunitarie, riguardanti l’inclusione. Si tratta di non raggiungere un generico principio di tolleranza della diversità ma piuttosto di affermarle, mettendole al centro dell’azione educativa, trasformandole così in risorse per l’intera comunità scolastica. Tutto ciò sarà possibile se cercheremo di rimuovere gli ostacoli all’apprendimento e alla partecipazione, attraverso l’attivazione di facilitatori e la rimozione di barriere, come suggerito dal sistema ICF (International Classification of Funtioning, Disabilityes and Handicap) dell’Organizzazione Mondiale della sanità. Tale sistema classifica lo stato di salute e disabilità attraverso quattro categorie (funzioni corporee; strutture corporee, partecipazione e attività, condizioni ambientali), variabili che se considerate nel loro insieme, ci danno un quadro più ricco della persona che va oltre la semplice distinzione abile /disabile e che tiene conto del fatto che ogni studente, in uno specifico momento della sua vita, può avere bisogni educativi speciali intesi anche nel senso delle eccellenze. Secondo l’ICF il bisogno educativo speciale (BES) rappresenta qualsiasi difficoltà evolutiva di funzionamento in ambito educativo e/o apprenditivo, indipendentemente dall’eziologia, che necessita di educazione speciale individualizzata. Occorre abbandonare il riferimento ai BES come ad un’area di minoranza che ha bisogno di essere integrata nella maggioranza “normale” e ritenere quindi che la disabilità e lo svantaggio non siano dentro al ragazzo, ma siano il prodotto della sua relazione con il contesto culturale. Una vera attenzione verso l’inclusione scolastica dovrebbe evitare la creazione di categorie e sottocategorie etichettanti e avviare una profonda riflessione sulle tematiche educativo-didattiche, sugli stili d’insegnamento, sulle scelte metodologiche, sulla gestione della relazione educativa, sullo sviluppo dell’intelligenza emotiva, sugli approcci curricolari.

Infine è bene ricordare che dare attenzione ai bisogni educativi speciali non vuol dire abbassare il

livello delle attese negli apprendimenti, ma permettere a tutti la piena espressione delle proprie

potenzialità garantendo il pieno rispetto dell’uguaglianza delle opportunità.

Allegati